1983 - 1987
STUDIO DI ARCHITETTURA
TORRICELLI ASSOCIATI
Parco Lodi a Settimo Milanese
Fra gli interventi programmati dall’Amministrazione comunale di Settimo Milanese per gli edifici e gli spazi necessari al potenziamento dei servizi, il Parco Lodi assume un significato specifico. Si tratta infatti di un’area verde da considerare non tanto per la sua dimensione - peraltro esigua - entro il sistema dei parchi urbani in attuazione, quanto invece per la sua identità e il suo carattere di luogo didattico e archeologico, filtro tra il centro antico di Cascine Olona e la campagna circostante, oggi urbanizzata.
Identità e carattere che il progetto conferisce al luogo partendo dalla sua interpretazione e dal suo ritrovamento come episodio formale preciso, entro il coacervo degli spazi residui che sono rimasti non edificati in quanto pure superfici destinate a verde pubblico e come tali contabilizzate dal piano regolatore.
Quest’opera vuole ricreare ‘per analogia’ la scena di quello che i documenti ricordano come un “giardino di delizia”; gli interventi attuati riguardano la delimitazione del recinto e dei suoi accessi, la reintegrazione della vegetazione e dei percorsi fondamentali, il restauro dei manufatti rurali esistenti, ma soprattutto la metamorfosi di questi, che viene provocata con l’aggiunta di pezzi architettonici nuovi.
Le preesistenze architettoniche e arboree, oltre alla vicinanza dell’area ad un plesso scolastico, rendono attendibile la destinazione didattica e museale prevista, come pure l’intento di legare la progettazione al restauro e al recupero dei manufatti di valore storico ambientale: il “casino di caccia” e l’antico muro di cinta lungo il corso dell’Olonella, oggi coperto, trasformabile in un percorso protetto pedonale.
Il progetto ridisegna il margine del muro di cinta del Parco Lodi, con evidenti porte, stipiti e soglie, scegliendo il tema compositivo dell’ambiguità fra l’essenza del giardino stesso come ‘stanza’ appartata e il contemporaneo uso pubblico che se ne propone.
L’intervento progettuale rende accessibile il parco da uno spazio eminentemente urbano: un “largo”, chiuso da un lato con voluminose siepi squadrate di ligustro, su cui il percorso protetto pedonale sbocca attraverso una rampa strombata in leggera pendenza; proprio verso questa continuità urbana il progetto ripropone come margine il muro di cinta.
Separato dal muro ed emergente sulla soglia come elemento di mediazione tra ‘dentro’ e ‘fuori’, appare il “casino di caccia”, costruzione tradizionale di mattoni con un nuovo tetto a capriate d’acciaio. L’intervento progettuale lo strania, riflettendone la figura sullo specchio d’acqua di una grande vasca rettangolare, formando così una fontana monumentale.
Il padiglione per mostre ed esposizioni didattiche, progettato ex novo ed impostato secondo la geometria elementare del quadrato ripartito da una crociera, si pone a sua volta tra due parti distinte del giardino. Ne fissa il centro compositivo, fronteggiando il “casino di caccia” con una facciata composta da due quadrati in blocchi di calcestruzzo. Per altro verso dal padiglione, o meglio dalla sua cesura mediana su cui poggia una copertura a capanna in vetro e acciaio, iniziano il percorso e la sequenza di assi prospettici verso la “corte napoleonica”.
2000-2009 1990-1999 1980-1989 1970-1979
Pubblicazioni
Gruppo di progettazione
red., Verde cantiere. Un parco-giardino per Settimo Milanese, in “Abitare”, allegato “il verde” al n. 248, ottobre 1986;
Aa.Vv., Annali dell’architettura italiana contemporanea 1986-87, a cura di G. Carnevale e M. Montuori,  Officina, Roma 1991;
Aa.Vv., Architettura dei luoghi urbani: nodi e margini, a cura di R. Spagnolo e G. Bertelli, Guerini e Associati, Milano 1991;
A. Torricelli, Parco Lodi, Settimo Milanese, in “Materia”, n. 16, 1994;
M. Aprile, Dal giardino al paesaggio. Annotazioni sul giardino, sulla città, sulla campagna, Flaccovio Editore, Palermo 1998;
A. Torricelli, Luoghi architettonici, in E. Faroldi, Città Architettura Tecnologia, Edizioni Unicopli, Milano 2000;
A. Torricelli, Conservazione e progetto, in “Ananke”, n. 42, giugno 2004.

Mostra Parco Lodi: storia e restauro, promossa dal Comune di Settimo Milanese, maggio 1987.
Mostra La qualità della città, VII Rassegna urbanistica lombarda, Triennale di Milano, aprile 1994.
progetto
Angelo Torricelli con Antonio Locatelli
collaboratori
Isabella Cuccato, Davide Tedesi
consulenti
Marco Robecchi, Chiara Robecchi, Dario Bandi
fotografie
Stefano Topuntoli
in corso