STUDIO DI ARCHITETTURA
TORRICELLI ASSOCIATI
Progetto per la Scuola d’arti e mestieri
L’ipotesi del lavoro progettuale si fonda sulla possibilità di assumere la realtà complessa della “cittadella militare” in termini di risorsa anziché come insolubile sommatoria di forme diverse di emarginazione. All’obiettivo di riconfigurare l’area della caserma, cerniera fra la città e i suoi prolungamenti foranei, si connette quello di riconvertire le varie forme di segregazione. La Scuola d’arti e mestieri viene proposta come elemento cardine per la riconversione della “cittadella militare” a centro di aggregazione sociale.
Il recinto diventa matrice della composizione. La “cittadella militare” viene trasformata nel “campo dell’istruzione”, pensato come una sorta di foro: spazio collettivo regolato e definito dalla ripetizione seriale di un modulo che racchiude edifici diversi sia per natura che per forma. I temi principali della composizione sono tre: l’addizione, l’innesto e la sovrapposizione. Il primo viene svolto attraverso la reiterazione dei padiglioni della scuola con le relative corti, al centro delle quali si collocano gli edifici per la rappresentazione, per il culto, per lo studio e per il lavoro collettivo, impostati sul tipo della basilica.
L’innesto è costituito dai ponti che accolgono aule per conferenze, agenzie e spazi espositivi, serviti da percorsi meccanizzati orizzontali e verticali. La sovrapposizione si sviluppa attraverso il rapporto a più livelli tra le parti della cittadella, definito dalla maglia ortogonale che ha come assi portanti le strade in trincea sottostanti i ponti, veri e propri alvei in cui confluiscono le rampe di servizio a i padiglioni e alle basiliche. Al centro della parte disegnata in modo geometrico e destinata agli orti botanici e ai vivai della scuola, si colloca un edificio a pianta centrale, sorta di “lanterna” per il parcheggio interrato e per la stazione ipogea di una proponibile nuova linea di metropolitana leggera.
Pubblicazioni
Gruppo di progettazione
progetto
Angelo Torricelli, Stefano Gaudimundo, Cesare Piva
con Paolo Berca, Domenico Chizzoniti,
Marta Massetani, Monica Pardi
collaboratori
Angelo Lorenzi, Daria Rampini, Claudio Padovani,
Raffaella Cambria, Clara Fadda, Cristiana Giua,
Giorgio Grandi, Maruska Scategni
A. Torricelli, Progetto per una Scuola d’arti e mestieri nella ‘cittadella militare’ di Baggio, in “qa 18”, Città Studi Edizioni, Milano;
Aa.Vv., Progetti per Milano. Architectural Iinitiative from School to City An Exibition of the Projects, TU Delft Faculty of architecture, 1996.

Mostra Progetti per Milano III fase, Dipartimento di Progettazione dell’Architettura, Milano, 27 maggio-9 giugno 1993;
Mostra Progetti per Milano, Museo Nazionale della Scienza e della Tecnica, Milano, 11-27 aprile 1995;
Mostra Progetti per Milano, TU Delft Faculty of Architecture, febbraio-marzo 1996.
1 2
nella ‘cittadella militare’ di Baggio, 1993
in corso 2000-2009 1990-1999 1980-1989 1970-1979