Project Description

Villafranca, Torino

2016/2018

Progetto

Sara Riboldi
Carlotta Torricelli

Collaboratori

Federica Granata
Stefania Monzani

Fotografie

Marco Menghi

L’immobile si trova nel nucleo originale del centro abitato, lungo l’antica Contrada del Pozzo. La trasformazione degli spazi interni, snaturati nel corso del tempo, si fonda sul principio di restituzione della distribuzione originaria e di recupero dell’impianto tipologico della casa e delle proporzioni degli ambienti originari. Al piano terra, con affaccio sul portico, si susseguono il salone con volta affrescata, la cucina con volta botte e lo studiolo. Al primo piano, con affaccio sul loggiato, si distribuiscono le camere da letto, ciascuna con bagno privato. Il sottotetto viene trasformato a uso abitativo, sfruttando la presenza degli abbaini esistenti. Nel modulo su strada si introduce una nuova scala a chiocciola in ghisa, così da connettere tra loro le parti rimaste svincolate dal resto dell’organismo.
Le scelte costruttive e delle nuove finiture sono tese alla valorizzazione di materiali e tecniche della tradizione locale e alla restituzione del carattere originario che molti degli spazi avevano perduto.
Sul fronte principale il progetto ha previsto l’abbattimento di tutte le superfetazioni. L’eliminazione di questi elementi ha reso nuovamente riconoscibile la geometria della facciata e il ripristino dell’apertura che dal vano scala consentiva l’affaccio sul giardino.
Lo spazio esterno, concepito come la rivisitazione contemporanea di un giardino barocco, viene disegnato attraverso una geometria rigorosa che prevede la contrapposizione di linee rette sul bordo terminale dello spazio a forme organiche collocate nella parte centrale dell’invaso.
Lo spazio della loggia si espande virtualmente all’interno del verde, attraverso una forma ellittica in pietra che connette l’elemento “minerale” con quello “vegetale”.
Sul lato dell’esedra, collocata sul fronte orientale del muro di cinta, viene costruito un piano orizzontale pavimentato in legno alle cui estremità si realizzano i nuovi volumi in legno e vetro, in coerenza con la tipologia dei padiglioni da giardino.

Pubblicazioni

Ambra Lofrano, Da palazzo del XIX secolo ad abitazione contemporanea, in “OBJECTSMAG”, rivista online di cultura contemporanea, marzo 2021

Tag